Animali e Paesaggi. Laboratorio didattico di educazione al paesaggio 2016-2017

Il laboratorio didattico “Animali e Paesaggi” tenutosi a Prato nella scuola primaria Iqbal si concluderà il 9 giugno 2017 con la mostra conclusiva degli elaborati dei ragazzi e la consegna della pubblicazione. Il laboratorio, promosso da Associazione Culturale Paesaggi (*) e curato dall’arch. Tiziana Di Bella, ha ottenuto il patrocinio Comune di Prato -Assessorato all’Ambiente- per l’anno scolastico 2016-2017.

Questo sito ospita, negli articoli sottostanti, la mostra virtuale degli elaborati

tratta dalla pubblicazione consultabile al seguente link: https://goo.gl/79iZnH

copertina animali e paesaggi

(*) https://associazionepaesaggiblog.wordpress.com/educazione-al-paesaggio-2/animali-paesaggi/

4.Animali e Paesaggi – Classe IA Iqbal. Quarto incontro

4°: Laboratorio creativo

Il percorso didattico si è concluso con un laboratorio grafico-creativo-manipolativo, dove i bambini sono stati protagonisti assoluti e indipendenti, il cui scopo è stato quello di riflettere, in generale, sui paesaggi che accolgono gli animali studiati: il bosco, la città, la spiaggia, il fondale marino, lo stagno e il cielo.

Su grandi pannelli di cartone rigido, in piccoli gruppi, i bambini hanno ricreato plasticamente gli ambienti suddetti, dopo aver redatto un bozzetto su carta frutto della discussione del gruppo.

Nella fase di costruzione dei paesaggi sono stati lasciati liberi di esprimersi in autonomia attraverso l’uso di materiali di vario tipo scelti e composti in funzione dell’idea compositiva. L’intervento degli adulti si è concretizzato nello stimolo iniziale (richiesta del compito da svolgere ed esposizione delle tecniche e dei materiali a disposizione)  e nella funzione di supporto e supervisione, senza intervenire nelle scelte artistiche operate dai bambini./…/

bosco

il boscocielo1

il cielo (1)

citta1

la città (1) Continua a leggere

3.Animali e Paesaggi – Classe IA Iqbal. Terzo incontro

3°: Animali da salvare

Nell terzo incontro abbiamo parlato del concetto di “estinzione”, accennando anche all’esistenza della lista rossa IUNC, e alla dimensione italiana del problema. Ci si è soffermati particolarmente sui motivi che portano all’estinzione delle specie e  sul fatto che ogni essere vivente ha diritto ad un paesaggio bello e sano. Ad ogni uomo spetta dunque il dovere di proteggerlo e di averne cura anche con le proprie scelte di vita quotidiane.

Animali sull’Arca: Tre animali in pericolo –TERRA

Il LUPO, l’ORSO, la TESTUGGINE DI HERMANN

LA TESTUGGINE DI HERMANN

La testuggine di Hermann è un animale che troviamo in molte aree geografiche. In Italia la Testuggine di Hermann è l’unica specie autocnona. Le altre sono state introdotte . E’ un animale pacifico, da sempre considerato simbolo della lentezza e della saggezza. Ha un aspetto tranquillo e viene da molti tenuta come animale da giardini. Come tutti i rettili  ama il sole che l’aiuta a raggiungere la temperatura ottimale per svolgere le sue attività. Le testuggini sono minacciate da cause antropiche dovute dalla distruzione dei loro ambienti naturali . Sono messe in pericolo anche dalle specie non italiane  che vengono introdotte con molta leggerezza e che spesso sono la causa della trasmissione di malattie alle quali la Testuggine di Hermann non è abituata.

P1070552

L’ORSO BRUNO

L’orso bruno è un grande mammifero terrestre che in Italia, dopo lunghi periodi di caccia , si era quasi estinto. Ne sopravvivono pochi esemplari oggi , un centinaio circa, nei parchi nazionali di Abruzzo e Molise. E’ un animale solitario e  onnivoro che mangia tutto, compreso i resti di animali morti, impedendo il propagarsi di malattie pericolose e preservando così la salute degli ecosistemi. Predilige le foreste ricche di sottobosco . In autunno mangia tantissimo (iperfagia) poiché deve costruirsi le scorte di grasso necessarie per superare l’inverno. Ancora oggi questo possente e meraviglioso animale è considerato un pericolo soprattutto dagli allevatori e viene cacciato e avvelenato invece di adottare pratiche per consentire la convivenza con gli animali allevati.

P1070544

IL LUPO

Il lupo è uno degli animali carnivori più importanti per la salute del territorio che anticamente era presente in tutti i boschi. E’ un animale che vive in branco dove tutti i membri aiutano ad allevare ed educare i cuccioli. Esercita un naturale controllo dei grandi erbivori evitandone l’elevata proliferazione che metterebbe a rischio lo stesso bosco. Il lupo, come l’orso, è stato sull’orlo dell’estinzione a causa della caccia e di molti pregiudizi nei suoi confronti. Indubbiamente non è amato dagli allevatori, poiché, in caso di cibo insufficiente, può attaccare gli animali degli allevamenti che non sono protetti da recinti o controllati da cani pastore. Il lupo è comunque un animale che ha molta paura dell’uomo dal quale si tiene prudentemente alla larga.

P1070563

 

vedi tutti i disegni…

Continua a leggere

2.Animali e Paesaggi – Classe IA Iqbal. Secondo incontro

2°: Le tane e le case

Parlare delle “tane” ha fornito l’occasione di mettere in evidenza il diverso modo di abitare la Terra da parte di uomini e animali, il diverso impatto e “peso” ecologico. Nell’incontro si è accennato a come le attività umane incidono sugli habitat mettendo talvolta in pericolo la vita degli animali.

Animali sull’Arca: Tre animali in pericolo  –ARIA

Il FRATINO, la GRU CENERINA, il PASSEROTTO

Laboratorio: Costruzione di una mangiatoia per uccellini da porre in giardino

Il FRATINO

Il fratino è un piccolo uccello che vive sulle spiagge di quasi tutte le regioni  italiane  ed in molte altre zone costiere del pianeta.. Lo troviamo sui litorali sabbiosi ben conservati. Si chiama così a causa della riga scura che il maschio ha  sulla testa che ricorda la chierica del frate, da cui il suo nome. I suoi colori sono quelli della sabbia dove costruisce il suo nido e si riproduce. Si nutre di vongole e piccoli crostacei. In Italia la popolazione di fratini si è dimezzata a causa del crescente numero di costruzioni e dell’erosione dei litorali. Particolarmente dannosa è la pulizia meccanica delle spiagge nel periodo estivo che distrugge i nidi. Come se non bastasse il fratino deve difendere le sue uova anche da molti animali predatori urbani (ratti, corvidi,…).

P1070518

La GRU CENERINA

In primavera ed in autunno stormi di gru cenerine sorvolano l’Italia senza fermarsi e nidificare più ormai da oltre un secolo. La gru è un uccello migratore che passa l’inverno nelle regioni calde dell’Africa o dell’India. Nidifica nelle zone centro e nord Europa . Ha un portamento elegante poiché è molto alta, ha un bel piumaggio e grandi ali per volare. In Italia la gru si è praticamente “estinta” come animale nidificante agli inizi dello scorso secolo a causa delle bonifiche dei terreni paludosi dove usa fare nidi e trova il suo cibo. Continua comunque a sorvolare il nostro paese durante i suoi spostamenti periodici. Talvolta può fermarsi ma solo per riposare per brevi periodi. Esistono soltanto pochissimi esemplari di gru che svernano in Italia.

P1070528

Il PASSEROTTO

Il passero domestico è un piccolo volatile tra i più noti che possiamo trovare anche nelle nostre città, molto socievole e abituato alla presenza dell’uomo che spesso avvicina per cercare briciole di cibo. Negli ultimi anni la popolazione di passeri sta subendo un notevole decremento dovuto all’uso di pesticidi e sostanze chimiche in agricoltura, alla diminuzione della quantità di insetti di cui si nutre molto durante il periodo riproduttivo. Inoltre, l’aumento in città di cornacchie e gazze ha riflessi negativi su questa specie poiché viene messa a repentaglio la capacità di sopravvivenza delle uova e dei piccoli.  Nelle città il passero soffre anche a causa della gestione del verde urbano che prevede sempre meno spazi lasciati  alla crescita di alberi e arbusti spontanei.

P1070521

Laboratorio: Costruzione di una mangiatoia per uccellini da porre in giardino, a scuola o a casa

image2a

vedi tutti gli altri disegni e le mangiatoie… Continua a leggere

1.Animali e Paesaggi – Classe IA Iqbal. Primo incontro

1°: La Terra, Noi e gli altri Animali

Durante questo incontro abbiamo cercato con i ragazzi una risposta alla domanda “Chi è l’animale?”, cercando di individuare le differenze e somiglianze con gli uomini. Si è discusso, in particolare, sul nostro modo di relazionarci con essi al fine di costruire un atteggiamento empatico più consapevole verso questi nostri particolari compagni.

Animali sull’Arca: Tre animali in pericolo  –ACQUA

Il CORALLO ROSSO, il CAVALLUCCIO MARINO, l’ULULONE APPENNINICO

Il corallo rosso sembra, per la sua forma, una pianta ma in realtà è un animale. Vive sul fondo marino del  Mediterraneo  in grandi colonie. E’ formato da piccoli polipini che, radicati sullo scheletro calcareo, mangiano plancton e piccolissime prede. Per la sua bellezza è stato pescato anche illegalmente e con tecniche invasive e adesso è in pericolo anche a causa dell’inquinamento marino. Una sostanza che lo danneggia è, per esempio, la nicotina rilasciata dai mozziconi di sigarette che il mare trascina via dalle spiagge.

P1070510

C’è un pesce nel Mediterraneo , simpatico e delicato che per la sua forma ed i suoi movimenti ricorda un cavallino. E’ il cavalluccio marino. Si rifugia nelle praterie di Posidonia nutrendosi di piccoli animaletti. In primavera inoltrata avvengono gli accoppiamenti ed è il maschio ad incubare le uova ed a rilasciare i piccoli in mare dal suo ventre. L’inquinamento dei mari e la pesca indiscriminata, che comporta anche la distruzione delle praterie di Posidonia,  mettono in serio pericolo la sua sopravvivenza.

P1070500

L’ululone appenninico è in piccolo anfibio lungo non più di 5 cm che vive e si riproduce solo in  Italia mimetizzandosi in pozze d’acqua fangosa o piccoli stagni alimentati da corsi d’acqua a scorrimento lento. Ama il sole e la temperatura mite. Deve il suo nome al verso che emette  per richiamare la femmina (uhuhuh..) . Il suo dorso è marrone ed il ventre è coloratissimo di giallo od ocra con macchioline nero-blu.  Ha occhi sporgenti con l’iride giallo oro e pupilla a forma di cuore. L’ululone in Italia sta scomparendo a causa di un proliferare di un fungo che lo attacca e dell’aumento delle temperature che prosciugano le piccole pozze ed i piccoli stagni in cui trascorre la sua esistenza.

P1070533

vedi di seguito tutti i disegni…

Continua a leggere

Alike. Un corto per genitori ed insegnanti… e bambini

Alike è la storia di un genitore premuroso che cerca di insegnare al proprio figlio la strada giusta da seguire per costruirsi un buon futuro. Ma qual è la strada giusta? Quale la strada giusta da imboccare in un mondo grigio ed uniforme?

Un albero e un po’ di musica possono aiutare a scegliere..

 

Alike è un cortometraggio emozionante diretto da Daniel Martínez Lara e Rafa Cano Méndez che ha conseguito molti premi premi e menzioni speciali.Guardatelo attentamente… nulla è lasciato al caso dagli autori…neppure il colore.

Si rimanda al link sottostante per chi volesse documentarsi in modo più approfondito sul filmato.

http://alike-short.blogspot.it/

Da cosa rinasce cosa. LoveCycle.

E’ stato presentato nel dicembre 2016 il cortometraggio “Lovecycle” di CONAI (Consorzio Nazionale Imballaggi), ideato per essere diffuso sui social network, che parla del ciclo di vita di materiali quotidiani come la plastica, l’alluminio, il vetro e la carta, in una veste animata adatta anche ai bambini.

Il contenuto del filmato ha, ovviamente, un intento educativo sociale mirato ad elevare la buona pratica della raccolta differenziata, ed utilizza un sistema narrativo che fa leva sui sentimenti. I protagonisti del corto sono un libro, una cassettiera, una caffettiera, un paio di occhiali, una bottiglia di vetro ed una pinzetta da sopracciglia che insieme affrontano un viaggio alla ricerca dei loro veri genitori, cioè altri oggetti dello stesso materiale di cui essi stessi sono realizzati. Un viaggio a lieto fine che si concluderà felicemente con il ritrovamento e l’abbraccio dei genitori naturali.

Si moltiplicano, e non sono ancora sufficienti, le iniziative culturali a favore dell’ambiente, indispensabili per ricostruire un mondo pulito, nuovo e migliore.

“LoveCycle” nasce da una idea di J.W. Thompson per la regia di F. De Meo con la direzione artisctica di Dario Agnello. La realizzazione è opera dello studio Dadomani di Milano.

L’evoluzione di Calpurnia

Un giorno avrei posseduto tutti i libri del mondo, scaffali e scaffali pieni. Avrei vissuto in una torre di libri. Avrei letto tutto il giorno mangiando pesche. E se qualche giovane cavaliere con l’armatura avesse osato passare sul suo bianco destriero e mi avesse implorato di calargli la treccia, lo avrei bersagliato di noccioli di pesca finché non se ne fosse andato a casa.”(*)

Calpurnia è il bel nome di una bambina undicenne molto particolare, curiosa e ribelle, che vive alla fine del 1800 in Texas. Unica femmina con sei fratelli maschi, abita in una fattoria al centro di una piantagione di cotone e di pesche pecan. Mostra un carattere forte e risoluto in un’epoca in cui, per la stragrande maggioranza delle donne, era normale essere dimesse e sottostare al volere degli uomini.  Calpurnia si interroga sul perché di questo e fino dalla sua tenera età rifiuta quei cliché sociali che l’avrebbero vista semplicemente nel suo ruolo di femmina e madre.

10-calpurnia Continua a leggere

Un Pesce sull’Albero

Mi è capitato più volte, parlando con le insegnanti delle classi dove ho portato i laboratori sulla bioarchitettura e sul paesaggio, di sentire da loro che avevano notato, nelle attività proposte, una disposizione al lavoro tranquilla e fattiva anche da parte di bambini che nella pratica quotidiana scolastica mostravano difficoltà ed affaticamento. Questo è stato per me motivo di grande gioia e credo che sia molto positivo il fatto che la scuola ricerchi e proponga agli studenti percorsi didattici nuovi e vari, purché non superficiali, che possano stimolare il pensiero e la fantasia facendo emergere le peculiarità individuali dei ragazzi.

A proposito di “caratteristiche” individuali vorrei invitare alla lettura di un libro che tratteggia un ritratto delle difficoltà che alcuni ragazzi possono incontrare nella scuola e che, spesso, nella realtà delle cose, sono causa dell’abbandono dello studio, delle difficoltà in famiglia e con gli amici, della perdita di autostima.

un-pesce-sullalbero

Continua a leggere